Mese: gennaio 2017

Il via alla Campagna solidale IN UN MINUTO PUOI

Postato il Aggiornato il

Oggi ha inizio la campagna di raccolta fondi “IN UN MINUTO PUOI” con un numero solidale dedicato.
In un minuto puoi donare 2 o 5 euro con un sms al 45525 o una chiamata da rete fissa, per la ricerca sul recupero post-ictus.

La Campagna, attiva fino al 29 gennaio, sarà visibile su molti programmi RAI.

Concerti in ospedale

Postato il Aggiornato il

img_8984

 

I concerti nella hall del Campus Bio-Medico sono un appuntamento mensile con la musica dal vivo, pensati per offrire, con modalità nuova, un’occasione di ascolto e di accoglienza per i pazienti, i loro familiari, il personale sanitario e amministrativo che, a vario titolo, sono presenti nella struttura ospedaliera.

Il progetto “Musica in Campo” è stato realizzato in collaborazione con il centro di ascolto Voi-Noi, per una “cura del paziente nell’unità dei suoi bisogni materiali e spirituali”.

img_8983img_8223

 

23-29 gennaio: IN UN MINUTO PUOI.

Postato il Aggiornato il

In un minuto puoi donare 2 o 5 euro con un sms o una chiamata

da rete fissa per la ricerca sul recupero post-ictus

ICTUS: tutte le strategie per un recupero sempre più efficace

cartelloSOLO in Italia duecentomila persone sono colpite ogni anno da ictus cerebrale. L’80 per cento di nuovi casi e il 20 per cento di recidive. Oltre il 50 per cento convive con un handicap e dipende quasi esclusivamente dai propri familiari. C’è chi invece non sopravvive: ogni anno la malattia uccide 6 milioni di individui nel Mondo e 650mila in Europa. Il fattore tempo è decisivo quando si parla di ictus. Infatti, più minuti si perdono in presenza dei primi sintomi, più il cervello viene danneggiato. La prima criticità è il ritardo con cui si arriva al Pronto Soccorso. I sintomi dell’ictus – che nell’80 per cento dei casi è di tipo ischemico, dovuto cioè all’ostruzione di un’arteria con mancato afflusso di sangue al cervello, e solo nel rimanente 20 per cento di tipo emorragico, legato invece alla rottura di un’arteria cerebrale – compaiono improvvisamente, raggiungendo la massima gravità in pochi minuti.

Le Stroke Unit in Italia specializzate nell’affrontare l’ictus sono in tutto 168, l’80 per cento nel Centro-Nord. Il ricovero in un’unità super-specialistica può fare la differenza, in termini di danni cerebrali e di conseguente recupero. Fra quelli più diffusi, che devono agire come ‘campanello d’allarme’, l’improvvisa debolezza, intorpidimento del viso, del braccio o della gamba, difficoltà a parlare, a camminare, problemi alla vista, capogiri e mal di testa. Il risultato migliore si ottiene quando il paziente viene trattato entro 60 minuti; in ogni caso, l’arrivo in ospedale non dovrebbe superare le 4 ore e mezzo. Importante anche una buona prevenzione. È necessario fare i controlli sui fattori di rischio: misurazione della pressione arteriosa con uno strumento in grado di individuare aritmie cardiache e fibrillazione atriale, controllo della glicemia e del colesterolo.

Ma per chi è stato vittima dell’ictus, il futuro è ora meno oscuro di prima, grazie alla ricerca che ha prodotto nuove tecniche di riabilitazione e nuovi approcci terapeutici sui quali da tempo lavorano i ricercatori dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, con risultati importanti. Il  progetto di ricerca interdisciplinare è volto a sviluppare approcci innovativi in grado di caratterizzare da un punto di vista funzionale il danno cerebrale conseguente ad ictus, individuando le strutture sopravvissute e a potenziare la funzione di queste stesse. Un lavoro realizzato attraverso tecniche di stimolazione cerebrale non invasiva, nonché con l’ausilio di sistemi robotici e dispositivi connessi alla realtà virtuale. Fondamentale è l’acquisizione di macchinari e sistemi robotici per la riabilitazione della mano o dell’arto superiore.