Immagini

Di nuovo in campo!

Immagine Postato il Aggiornato il

Grande successo della Gara di Golf della nostra Associazione,
al Carimate Golf Club.

Tanti iscritti e tanta solidarietà!!!!


Grazie di cuore a tutti!

#UCBMincontraLecce 29 marzo 2019

Immagine Postato il Aggiornato il

COMUNICATO STAMPA – UNIVERSITA’ CAMPUS BIO-MEDICO DI ROMA

NUOVE CURE PER ICTUS, PARKINSON, ALZHEIMER E MALATTIE NEUROLOGICHE: VENERDì 29 MARZO AL TEATRO APOLLO CONCERTO PER LA RICERCA SCIENTIFICA DELL’UNIVERSITA’ CAMPUS BIO-MEDICO DI ROMA E PER RAFFORZARE IL LEGAME CON IL TERRITORIO

L’ateneo romano incontra Lecce: una giornata riservata all’orientamento universitario e una serata di raccolta fondi grazie all’impegno dell’Orchestra Sinfonica del conservatorio Tito Schipa.

Da 25 anni nel segno de “la Scienza per l’Uomo” l’Università Campus Bio-Medico di Roma sbarca a Lecce venerdì 29 marzo al teatro Apollo con il concerto dell’orchestra sinfonica del Conservatorio “Tito Schipa” e per l’intera giornata con appuntamenti dedicati a presentare i corsi di laurea, rafforzare il rapporto tra la città e gli ex studenti e condividere con il territorio i risultati di Ucbm a favore della qualità della vita e dei territori.

Al centro della serata musicale il sostegno alla ricerca scientifica, cuore dell’attività dell’Università e del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, finalizzata all’individuazione di nuove cure a malattie neurologiche come Parkinson e Alzheimer e allo sviluppo di terapie sempre più efficaci per aumentare la qualità della vita delle persone colpite da ictus e altre patologie altamente invalidanti, fino alle sperimentazioni più avanzate come la stimolazione elettromagnetica transcranica per la cura di un male a forte impatto sociale come la depressione. Il concerto al teatro Apollo sarà a offerta libera e i fondi verranno destinati ai ricercatori che ogni giorno studiano nuove soluzioni per la cura e il benessere della persona.

Come la mano bionica “Sensibilia” presentata a febbraio e in grado di gestire la manipolazione, lo scivolamento degli oggetti e sentire il tatto su dita e palmo della mano. Tutto questo è diventato realtà per una paziente che ha effettuato di recente la sperimentazione insieme ai bioingegneri, medici e tecnici dell’Università Campus Bio-Medico di Roma e del Centro Protesi Inail di Budrio in provincia di Bologna. O nel caso di “Icone”, un vero robot portatile per la riabilitazione neurologica post-ictus, nato dalla collaborazione tra medici e ingegneri dell’Università Campus Bio-Medico di Roma e che oggi, grazie alla combinazione tra software e moderne tecniche di riabilitazione offre cure più economiche, a domicilio e monitorabili a distanza dal medico, a disposizione di centinaia di migliaia di italiani colpiti da ictus, una malattia che è ancora oggi la prima causa di invalidità nel nostro Paese.

Appuntamento dunque venerdì 29 marzo alle 20.30 con il concerto “Suggestioni sinfoniche” nella storica cornice del teatro Apollo di Lecce: nel corso dell’evento condotto dalla violinista e presentatrice tv Nancy Squitieri l’orchestra diretta dal Maestro Giovanni Pellegrini, insieme alla voce recitante dell’attore Andrea Sirianni, eseguirà brani dalla Carmen di George Bizet e da “Pierino e il lupo” di Sergej Prokofief. Saranno presenti il Rettore prof. Raffaele Calabrò, il direttore dell’Unità di Neurologia del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, prof. Vincenzo Di Lazzaro e il presidente dell’Ordine dei medici Donato De Giorgi.

Nel corso della giornata, a partire dalle ore 9.30 sempre al teatro Apollo, si alterneranno incontri tra le scuole e i docenti dell’Università per orientare gli studenti degli ultimi anni delle scuole superiori alla scelta di uno degli 11 corsi di laurea attivi presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma come Medicina e Chirurgia, Ingegneria Biomedica, Ingegneria Chimica per lo Sviluppo Sostenibile, Ingegneria industriale, Fisioterapia, Scienze Infermieristiche, Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia, Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana (triennale e magistrale), e i 2 nuovi corsi in fase di attivazione come Medicine and Surgery (in lingua inglese) e Scienze e Tecnologie Alimentari e Gestione di Filiera.

Nei suoi primi 25 anni di vita oltre 400 studenti pugliesi si sono brillantemente laureati all’Università Campus Bio-medico di Roma. Ben il 60 per cento di essi è tornato in Puglia riportando sul territorio competenze, professionalità e grande attenzione alla dignità della persona umana. Circa il 10 per cento lavora presso Ucbm e alcuni di loro hanno vinto un concorso nazionale diventando professori universitari. Il 2 per cento dei laureati pugliesi opera all’estero presso prestigiosi centri di ricerca nei campi della medicina e dell’ingegneria.

L’evento è organizzato dall’Associazione Amici dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, con il patrocinio della Provincia di Lecce e del Comune di Lecce. Appuntamento al teatro Apollo in Via Salvatore Trinchese 13a.

[F.Unali]

programma della giornata

Opuscolo completo predisposto per l’evento del 29 marzo; Presentazione della nostra Università e della sua offerta formativa:

Opuscolo_incontro_Lecce

Gennaio 2019: tre appuntamenti per la musicoterapia

Immagine Postato il Aggiornato il

Musicoterapia  Concerti in ospedale.

Un’iniziativa che ha portato, da ottobre a oggi, decine di musicisti provenienti da importanti orchestre romane nonché da diversi conservatori italiani, ad esibirsi nelle corsie del nostro Policlinico Universitario. Un modo bello e piacevole per accompagnare pazienti e familiari insieme a dipendenti e operatori sanitari in situazioni complesse come quelle che caratterizzano la vita di un ospedale.

A sostenere il progetto che mette al centro l’espressione musicale come occasione di ascolto, dialogo e veicolo di emozioni sono la Direzione Clinica e Infermieristica che negli ultimi mesi hanno dato vita a una serie di progetti pilota di musicoterapia destinati all’accompagnamento dei pazienti più fragili come quelli oncologici ed ematologici. Musicoterapiste professioniste hanno infatti iniziato a intervenire nella sala d’attesa del day-hospital oncologico e a seguire individualmente i pazienti che hanno fatto richiesta di un supporto “che da solo non risolve i problemi dei pazienti fragili ma può essere considerato una terapia complementare”, come sottolinea il Direttore clinico, Rossana Alloni.

Proprio sul tema, insieme alle tre musicoterapiste del Policlinico Maria Teresa Palermo, Mariolina Rossi e Antonella Zenga, la docente è intervenuta al quinto congresso mondiale della International Association for Music & Medicine a Barcellona. Tra i 30 poster selezionati al convegno scientifico anche quello firmato UCBM, sull’utilizzo della musicoterapia nella sala d’attesa del day-hospital oncologico. “Abbiamo illustrato il percorso che ha portato dalla musica come fonte di piacere, relax e distrazione alla musicoterapia che è invece un intervento strutturato, in cui si agisce sul paziente che chiede supporto in un momento di difficoltà”, spiegano le musicoterapiste. “I pazienti hanno mostrato una risposta positiva al trattamento, in termini di qualità di vita e di miglioramento della performance nell’affrontare le terapie; a Barcellona abbiamo potuto confrontare i nostri dati con quelli di analoghe esperienze in altri Paesi del mondo, è stato interessante e stimolante e ha fatto già nascere nuovi progetti di ricerca per il 2019”, conclude la prof. Alloni.

(…) Sul fronte della ricerca si sta costituendo un gruppo di lavoro nel settore delle neuroscienze, per approfondire la conoscenza degli effetti biologici della musica.

fonte: http://www.policlinicocampusbiomedico.it/news/musicoterapia-una-cura-complementare